Hunger Games, di Suzanne Collins

Quando ho cominciato a leggere questo libro, avevo in mente diverse cose: reality show come “Il Grande Fratello” e “L’Isola dei Famosi”, ma anche film del calibro di Live! e My little eye; nonché il libro La lunga marcia di Stephen King.

Devo dire che Hunger Games è una buona commistione tra tutti questi elementi. Troviamo la crudezza e il cinismo del libro di King, la denuncia tra le righe già vista in Live! e l’orrore e l’inquietudine suscitati da My little eye. Ma dei reality, quelli veri che tanto vanno di moda oggi in Italia e nel mondo, c’è soltanto una patina opaca. Fin da subito appare chiaro l’intento dell’autrice, ovvero fare di quest’opera un simbolo di denuncia sociale, un avvertimento che sembra gridarci forte nelle orecchie: “Ehi! Se continuiamo così, sarà questo il nostro futuro!”

La storia è ambientata a Panem, ossia ciò che resta degli Stati Uniti dopo un passato di guerre e distruzione, in un ipotetico e quanto mai cinico futuro. La società è dominata da un’autorità pressoché invisibile, che ha sede a Capitol City, metropoli baluginante e chiassosa che ricorda tanto una Londra disinibita e futuristica. Il resto del territorio è suddiviso in dodici Distretti, ognuno dei quali dedito a una specifica attività (miniere, agricoltura, ecc.).

Annualmente, ogni Distretto è obbligato a offrire due Tributi – vale a dire due giovani al di sotto della maggiore età – in quella che viene chiamata la Mietitura. I prescelti – estratti a sorte ovviamente – vengono mandati a disputarsi gli “Hunger Games”, una sfida all’ultimo superstite seguita in presa diretta sugli schermi di tutti i Distretti. Gli Hunger Games servono a ricordare ai Distretti che Capitol City non ha dimenticato l’epoca in cui essi si ribellarono; la rivolta fu soppressa nel sangue e da allora ogni Distretto è obbligato a pagare i suoi Tributi in questo modo. Eterna schiavitù è ciò che spetta a ogni abitante al di fuori di Capitol City.

Leggi tutta la recensione su Terre Di Confine

Advertisements

About Daniele Picciuti

Ultime pubblicazioni: Ritorno alla Mary Celeste (Dunwich Edizioni, 2013) I racconti del sangue e dell'acqua (Bel-Ami Edizioni,2011), Uomini e spettri (racconto in antologia, Bel-Ami Edizioni), Mistero (racconto in antologia, Il Mondo Digitale Editore). Presidente Ass.ne Cult.ne Nero Cafè Capo Redattore Magazine Knife Vice-responsabile Nero Press Edizioni

2 responses to “Hunger Games, di Suzanne Collins”

  1. Giorgio says :

    Bella recensione Dan complimenti, dunque il libro che ti ho prestato ti è piaciuto ma in finale che voto gli daresti?
    Io di sucuro un 8 e 1/2.

  2. Daniele Picciuti says :

    Dovessi votare darei un 7. Il motivo per cui non darei di più è che ci sono alcune situazioni un po’ troppo cliché (non le dico per non spoilerare). 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: