L’ombra di Cthulhu sulle isole Azzorre

polipogiganteMacabro ritrovamento sulle coste delle isole Azzorre. Un gigantesco polipo è stato rinvenuto sulla spiaggia di Horta nell’isola Faial da alcuni pescatori che hanno subito allertato le forze dell’ordine.

Sembra che la gente del posto avesse iniziato ad avvertire un odore nauseabondo già nel corso della notte ma a causa della scarsa visibilità – in quella zona non c’è illuminazione – nessuno si era accorto della mostruosità. A dare l’allarme alle prime luci dell’alba sono stati Antonio A. e Pedro S., due pescatori diretti alla loro imbarcazione, attraccata poco lontano.

“È stato orribile” ha detto Antonio A. a una cronista di un giornale locale “mostruoso. Quella cosa aveva gli occhi spalancati, immobili. Anche se era morta pareva che ti guardassero”.

“Puzzava come una partita di pesce marcio” è stata la dichiarazione di Pedro S. “se mi avessero chiuso in una stanza piena di cadaveri in putrefazione, avrei respirato meglio. Credetemi: quella cosa non è normale. Non dovrebbe esistere”.

Com’era prevedibile i blog e le testate di tutto il mondo hanno subito gridato a “Cthulhu!” ma riteniamo che il buon H.P. Lovecraft – se fosse vivo oggi – prenderebbe le distanze dai soliti gossip che infestano le riviste ad alto consumo. Il lettore medio, si sa, può essere facilmente influenzabile.

Tuttavia, c’è ancora qualcosa di cui parlare. Alcune fonti locali riportano questa notizia: circa un mese fa, pare che a Vila do Porto (isola Santa Maria) alcuni individui venuti da fuori abbiano interrogato gli abitanti del posto circa un possibile avvistamento di una misteriosa isola non segnata sulle mappe. Secondo questi stranieri non ancora identificati, l’isola avrebbe dovuto trovarsi al largo dell’isola Pico in direzione sud-ovest.

Naturalmente nell’area di mare indicata non c’è nessuna isola. Ripetute riprese dall’elicottero di alcune emittenti del posto non hanno riscontrato anomalie di sorta.

Ciò che inquieta di più l’opinione pubblica è il fatto che poco più di un anno e mezzo fa questa fetta di mondo era stata oggetto di un altro evento fuori dall’ordinario: l’avvistamento di un veliero fantasma noto col nome di Mary Celeste e la conseguente scomparsa dello showman Carlo Stein. La notizia – che potete leggere qui – sembrava ormai caduta nel dimenticatoio ma i fatti di oggi riportano alla luce oscuri interrogativi.

Cosa si cela nelle acque al largo delle Azzorre? È forse nato un nuovo “triangolo maledetto”?


AZZORRE1

Annunci

Deep Love: amori profondi e letali

DEEP LOVECi credereste? Tra le miriadi di cose che ogni giorno ho da fare, mi ero completamente dimenticato di condividere con voi l’uscita per Nero Press Edizioni dell’antologia digitale Deep Love, pubblicata in occasione dello scorso San Valentino.

All’interno trovate un mio racconto a tema zombie, sebbene le tinte siano quelle dell’ironia, e immagino che il titolo possa in qualche modo già fornirne traccia evidente: Extrema Ratio (Come ho difeso il diritto degli zombie a essere amati).

Se per caso vi state chiedendo di cosa parli, è presto detto: ci troviamo di fronte a una sorta di Romeo e Giulietta horror, con la differenza che stavolta l’amore impossibile non è tra due membri di famiglie rivali, bensì tra una persona viva e una morta.

Gli altri autori di questa raccolta sono Matteo Bertone, Luigi Bonaro, Giuliano Conconi, Angelo Marenzana, Biancamaria Massaro e Laura Platamone.

Non vi tedio oltre. Qui è il link dell’ebook.

Mercoledi 11 marzo: tutti su Terraluna!

terraluna-copMercoledi 11 marzo alle ore 19.00 presso la libreria Marcovaldo in Roma, si terrà la presentazione del mio romanzo Terraluna alla presenza di Francesco Troccoli, autore della prefazione.

Nonostante il libro sia uscito già da diverso tempo questa è la prima presentazione ufficiale. Sono vari i motivi che mi hanno spinto a ritardare questo incontro: i molti impegni con Nero Press, la scarsità di tempo, alcune problematiche personali. Ma finalmente ci siamo e poiché non so dire se e quando ci sarà  un secondo incontro, mi auguro vivamente che tutte le persone che bene o male mi conoscono, qui a Roma, riescano a essere presenti.

Ci sarà anche un piccolo aperitivo, per smorzare i toni e affrontare l’evento con leggerezza di spirito. Non mi piacciono molto le presentazioni tediose e autocelebrative, e d’altra parte Terraluna è un luogo tutt’altro che adatto a sbrodolate e paroloni. Su Terraluna si lotta per la sopravvivenza, ogni giorno. Ci si spara e ci si prende a pugni. Si minaccia e si tradisce. Si esplode, persino, e si raccolgono i pezzi di gente di infima risma.

Insomma, venite che ci divertiamo.

Ore 19.00 presso la Libreria Marcovaldo in Roma, sita in Via Cairano 22 (zona Prenestina).

Qui la pagina facebook dell’evento creata dalla libreria.

Qui la pagina facebook dell’evento creata dall’editore.

Ci sarà anche un piccolo aperitivo,

Oggi vi presento: Mutazioni (Michael Laimo e Stefano Fantelli)

Mutazioni2-275x370Eccoci al secondo appuntamento con questa rubrica rivolta a presentarvi i libri di Nero Press Edizioni, marchio editoriale dell’Associazione Culturale Nero Cafè, di cui sono Presidente. Ricordo che NON si tratta di una falsa recensione a un “nostro” libro, lo scopo è semplicemente quello di incuriosirvi e magari invogliarvi alla lettura attraverso la spiegazione dei motivi per cui siamo arrivati a scegliere l’opera in questione.

In questo caso siamo di fronte a una vera e propria scommessa. L’idea di partenza nacque al Buk di Modena del 2013, durante una piacevole chiacchierata con Stefano Riccesi (autore di un racconto all’interno dell’antologia I Racconti del Laboratorio, Nero Press, e articolista per la rubrica La terra delle ombre, sul sito di Nero Cafè).

Stefano mi chiedeva cosa ne pensavo dell’idea di pubblicare dei libri di piccole dimensioni, facili da leggere e dal costo irrisorio. L’idea non mi dispiacque e da lì pensai a una nuova collana, che avrebbe poi preso il nome di Incastri. L’idea in questione era quella di accostare un racconto di un autore italiano a quello di un autore internazionale, scritto partendo da uno stesso tema. Così, contattai i primi due autori: Michael Laimo e Stefano Fantelli. In seguito in redazione decidemmo di aggiungere delle illustrazioni al libretto e per disegnarle scegliemmo di rivolgerci a Roberta Guardascione, un’artista dal tratto cupo e inquietante, perfetto per ciò che ci serviva.

A questo punto, però, le royalties da distribuire erano tante e, per forza di cose, il prezzo del libretto non poteva più essere basso come volevamo. Questo è il motivo per cui ha un costo di 8 euro. Sfortunatamente, col passare del tempo ci siamo resi conto che questo è diventato un ostacolo per la sua diffusione, e spiegare il motivo – come ho fatto ora – del prezzo non bassissimo non ha sempre convinto i potenziali acquirenti a comprarlo. Nella piccola editoria non è facile sfornare un buon prodotto, che sia nuovo e abbia una sua “ragion d’essere”, la mia speranza è che col tempo questo possa venire a galla, che la qualità abbia la meglio sulla pigrizia finanziaria dei lettori.

cropped-tavola-3-cinque-minuti-di-video-definitivo

Mutazioni, questo il nome del libretto, racchiude due storie disturbanti, e chi ama davvero l’horror non potrà non trovarle accattivanti, cupe, inquietanti. Cinque minuti di video, di Michael Laimo, è un’autentica discesa nell’incubo, le mutazioni cui il protagonista si trova davanti sono quanto di più deviato si possa immaginare. In Incantevole, di Stefano Fantelli, vi è una storia d’amore e d’orrore in cui la diversità diventa la differenza tra la vita e la morte, fautrice di una giustizia/vendetta che sa tanto di contrapasso dantesco.

Sperando di avervi incuriosito, aggiungo che dovreste visitare questo blog: Mutazioni: The Game, un caratteristico affresco dell’opera impostato come un Libro Game, un gioco da seguire di pagina in pagina che vi guiderà, attraverso testi e illustrazioni, all’interno delle due storie. Buon divertimento!

Oggi vi presento: La giubba verde del diavolo (fratelli Grimm)

diavolomediaEccomi qui a inaugurare una sorta di rubrica rivolta a presentarvi i libri di Nero Press Edizioni, marchio editoriale dell’Associazione Culturale Nero Cafè, di cui sono Presidente. Voglio chiarire fin da subito che NON si tratterà di fare false recensioni ai “nostri” libri, lo scopo resta naturalmente quello di incuriosirvi e invogliarvi alla lettura (con l’inevitabile acquisto), ma attraverso la spiegazione dei motivi per cui siamo arrivati a scegliere l’opera in questione.

Pisa Book Festival, novembre 2013.

Siamo allo stand di Nero Press, io e Laura Platamone. Come spesso accade, si avvicina una ragazza – piuttosto giovane e dal fare timido – presentandosi come illustratrice. Si chiama Marta Vangelisti e ci mostra dei disegni che colpiscono subito la nostra attenzione. Le spieghiamo che, come associazione culturale, non abbiamo purtroppo i mezzi economici per acquistare immagini ma che saremmo disposti a pubblicare un libretto per ragazzi illustrato da lei, sottoscrivendo un regolare contratto a royalties. Lei sembra disponibile e le domandiamo se ha giù un’idea. Ci parla della sua passione per i fratelli Grimm e di questa favola, La giubba verde del diavoloHa giù un’illustrazione pronta e ce la mostra. Guardiamo il bosco, il diavolo in ombra, io e Laura ci scambiamo uno sguardo d’intesa: l’impressione è buona.giubbaverde_baule

L’idea proposta da Marta ci piace, le fiabe classiche sono un must e in una collana dedicata ai ragazzi ben figurano, così ci scambiamo i recapiti. Nei mesi successivi lei lavora ai bozzetti e, dopo un primo periodo di rallentamento, dovuto a problemi vari tanto da parte nostra quanto da parte sua, finalmente arriviamo a realizzare l’opera, pronta per il Pisa Book Festival del 2014.

A mia figlia, che ha otto anni e mezzo, la storia è piaciuta, anche se  un po’ cupa, e attualmente è tra le letture della “buonanotte” che, a rotazione, mi chiede di raccontarle prima di dormire la sera.

Credo che questo Marta non lo sappia nemmeno.

Il prezzo del libretto è del tutto abbordabile: 6,50 euro. Fateci un pensiero! È ordinabile in qualsiasi libreria, presso gli shop online (Amazon, Ibs ecc.) o direttamente nello store Nero Press.

Latte e biscotti

biscotti-per-la-colazione

Per augurare a tutti un gioioso 2015, ecco a voi un mio piccolo regalo festaiolo!

Apro gli occhi e i raggi caldi del sole irrompono vividi nella stanza, un buco rettangolare con un letto, un armadio a due ante, una scrivania e due ridicole sedie di legno, di quelle pieghevoli da pic-nic che costano due soldi.
Mi alzo, infilo le pantofole e arranco in bagno, dove la mia immagine mi aggredisce riflessa nello specchio sporco di schizzi d’acqua e ditate, una faccia scura, due occhiaie a solcarmi il viso e uno spruzzo di capelli ricci sulla testa, proprio un’espressione sveglia, non c’è che dire.
Mi do una lavata e quando torno in camera m’infilo i jeans e la maglietta rossa di ieri.
Poi vado in cucina, dove aleggia uno strano odore di caffè misto a qualcosa di andato a male.
Mi siedo a tavola, davanti a una tazza di latte freddo e un pacco di biscotti già aperto e trangugio tutto voracemente.
– Ma’, sto latte è rancido! – mi urto dopo un po’, ruttando e ridendo. – Ops, scusa!
Lei non risponde, se ne sta lì con la testa riversa nella ciotola, al sicuro in quel velo di silenzio in cui ristagna ormai da giorni.
Mi alzo e le vado vicino.
La faccia è gonfia e livida ed emana una puzza sgradevole, i capelli galleggiano nella ciotola tra il latte e il sangue, in un miscuglio che ha assunto una tonalità grigiastra, incolore. La nuca sbrilluccica del sangue sgorgato dalla ferita celata tra i capelli, ormai una poltiglia informe poco al di sopra del collo, riconoscibile solo per via del coltellaccio che le è rimasto conficcato dentro.
Fuori c’è un bel sole e il mare giù alla spiaggia mugghia nel vento, quasi intonando il mio nome.
Come resistere a un richiamo simile? E poi ho proprio voglia di un bel bagno insieme ai miei amichetti. Ma se mi fottono un’altra biglia m’incazzo. E gli faccio vedere io. Sissignore.
E dovrò anche decidermi a chiamare il Telefono Azzurro. Sono giorni che ripasso la conversazione:
– Per favore, dovete aiutarmi. Ho paura di mia madre, lei… mi molesta, tutte le notti! Ho solo undici anni!

Room 12: il decimo episodio di Urban Fantasy Heroes

Cover Room12Dopo Virtual Flux, secondo episodio della saga Urban Fantasy Heroes, torno a pubblicare una storia in questa stimolante collana, edita da Delos Books.

Come spiego in questa intervista su Fantasy Magazine, a cura di Claudia Graziani, Room 12 – questo il titolo del libro – è il naturale proseguimento del precedente episodio. Tornano i personaggi di Kasia e Pierrot e, stavolta, saranno impegnati ad affrontare Pandora sul suo stesso territorio.

Questa puntata, inoltre, rappresenta un vero e proprio crossover con Laguna Beige, numero cinque della serie, scritto da Alain Voudì. L’intento è quello di iniziare a esplorare più da vicino l’organizzazione di Pandora e disporre le forze in campo da entrambi i lati. Non mancheranno i colpi di scena, naturalmente, che spero di aver disseminato nelle giuste dosi.

Se volete avere un assaggio della storia, qui potete leggere l’anteprima.

L’ebook è disponibile in edizione digitale su tutti gli store online a soli 1,99 euro.

Interstellar: la nuova odissea

interstellar2Prima che i puristi e i conservatori si sentano in dovere di contestare il titolo – e il contenuto – di questa recensione, lasciatemi dire che qualunque cosa vogliate dire, fondamentalmente – pur rispettandola – non m’interessa. 2001: Odissea nello Spazio ha segnato un’epoca ma è giusto che oggi, a 46 anni di distanza, vi succeda una nuova odissea. E Interstellar si pone nell’ottica di successore ideale, tanto per i contenuti, che per le musiche, la fotografia, l’intensità dei sentimenti. Con delle differenze, certo, a volte esigue, altre notevoli. Ma così deve essere.

Christopher Nolan, che firma la regia del film, non ci fa certo rimpiangere Stanley Kubrick, anzi. Dopo lavori come Memento e Inception, Interstellar non fa che confermare il talento di questo regista.

Quello a cui assistiamo in Interstellar in tre ore di pellicola non è soltanto l’odissea di un gruppo di astronauti in esplorazione nello spazio profondo alla ricerca di un nuovo mondo per la razza umana, ma anche un viaggio interiore – duplice, di Cooper e di Murph – e la storia di un padre e una figlia, del legame profondo che li unisce e che sembra elevata a metafora dell’intera umanità, perché è nell’amore reciproco che è possibile trovare la salvezza.

Questo in ultimo il messaggio del film.interstellar3

E poco importa, francamente, se i benpensanti troveranno cavilli cui attaccarsi per criticare un capolavoro come questo. Vi è un lato mistico in Interstellar, così come fu per 2001: Odissea nello spazio, vi è un punto dove la scienza si ferma e lascia il passo a qualcosa che è al di là della nostra conoscenza. Così veniamo inghiottiti dall’ignoto e da una scoperta che ci avvolge e ci scalda il cuore. Perché noi siamo lì assieme a Cooper, in quella assurda quinta dimensione; e siamo lì con Murph, prima bambina e poi adulta; siamo lì anche noi perchéinterstellar-buco-nero-633x415, come loro, vorremmo salvare la Terra e l’umanità intera dalla devastazione che la sconvolge. Perché tale devastazione è laggiù, di fronte a noi, e la vediamo ogni giorno più reale, veramente. Non è un caso che vengano girati ciclicamente film sulla fine del mondo, la percezione dell’uomo suggerisce che è proprio là che ci stiamo spingendo, epoca dopo epoca. L’evoluzione, con lo sfruttamento indiscriminato delle risorse – di ogni tipo di risorsa – ci sta portando alla rovina.

E in Interstellar, questo viene dato per scontato. Non si ferma a spiegare perché si sia arrivati a questo punto. Non serve. Il futuro che ci mostra è distopico – viene detto che non si crede più nel viaggio sulla Luna e francamente dubito che questo possa accadere nel nostro futuro, ma potrei anche sbagliare – ma è un futuro fin troppo vicino a noi.

Davvero emozioni intense per un film che rimane impresso fin nel profondo.

annemattUn plauso, infine, al cast: Un Matthew McCounaghey che, dopo la sensazionale prova nella serie True Detective, conferma la propria crescita professionale; intensa anche Jessica Chastain – che ricordiamo in un altro grande film: Zero Dark Thirty – nel ruolo della Murph adulta, e la piccola Mackenzie Foy (già vista in The Conjuring), che incarna tutta la tenerezza capace di far sciogliere il cuore a un padre. Ma tutto il cast – stellare – se la cava bene: Anne Hathaway, Michael Caine, John Lithgow, Topher Grace, Casey Affleck, Wes Bentley, David Gyasi, Matt Damon, Ellen Burstyn. 

Alle musiche un sempre grande Hans Zimmer, capace di trovare i ritmi giusti per trascinare lo spettatore nella spirale temporale in cui si muovono Cooper – nello spazio – e Murph – sulla Terra.

Per chiudere, soltanto due parole: Grazie Christopher.

jessica

A caccia di zombie con Claudio Vergnani

_i-vivi-i-morti-e-gli-altri-vergnani-gargoyle-280x396-1368256728Se non avete ancora letto I vivi, i morti e gli altri, non perdete tempo a leggere quest’articolo. Precipitatevi fuori di casa e correte a comprarlo, oppure ordinatelo su uno store online. Insomma, fate voi, ma non potete proprio perdervelo. Soprattutto se vi piacciono i survival zombie o i post-apocalittici in genere.

Sì, perché ciò che si muove tra le pagine di questo libro non è soltanto un’orda incontrastata di morti viventi su un territorio italiano lasciato a se stesso; c’è disperazione che si agita nel cuore di un protagonista troppo stanco per pensare ad altro che non sia la propria sopravvivenza; e poi c’è amore, dapprima accennato, poi palesato e pur nascosto in fondo all’anima, infine rivelato in una maniera altrettanto egoista ma ugualmente emozionante; c’è amicizia, dosata, centellinata, perché in un mondo così un amico non s’incontra tutti i giorni e quando capita occorre tenerlo stretto, non tradirlo e non lasciarlo andare; e c’è senso d’appartenenza, a qualcuno, che sia una donna o una bambina, che sia per attrazione fisica o per genitorialità; c’è, infine, uguaglianza, perché dopo il lungo viaggio del nostro protagonista, si arriva a comprendere come non ci sia reale differenza tra i vivi e i morti, se non quella che fanno “gli altri”. E per capire chi siano, gli altri, dovete per forza leggere.

Un grande Claudio Vergnani che dosa sapientemente emozioni e sangue, filosofia e splatter, ironia e tragedia, finanche una critica sociale mai troppo velata, come ci ha abituati a fare con i suoi precedenti romanzi – vedi la trilogia vampirica de Il 18° Vampiro e il thriller Per ironia della morte – solo che stavolta non è Vergy protagonista di questa storia, ma Oprandi, un ex-militare ed ex-alcolista che ha una sola missione: riportare a casa il padre zombie della sua cliente, chiuso in una cassa.

Il viaggio non sarà facile. Orrori senza fine lo attendono. E attendono voi che lo leggerete.

Da gustare fino all’ultima pagina.